Dolore acuto e dolore cronico: come riconoscerli e trattarli?

Quando si parla di dolore, spesso si tralascia una distinzione fondamentale per poter classificare correttamente i sintomi e trattarli in modo adeguato: la distinzione tra dolore acuto e dolore cronico.

Il dolore acuto: perché è importante non sottovalutarlo

Il dolore acuto (spesso erroneamente inteso come dolore “intenso”) è un dolore di breve durata, legato di solito a un danneggiamento localizzato dei tessuti, come nel caso di ferite, fratture, infezioni in atto o interventi chirurgici. È normalmente localizzato, improvviso e di breve durata, e tende a risolversi con la guarigione della causa scatenante.

Può presentarsi in modi diversi: un senso di oppressione, una fitta, un bruciore. Comunque esso si manifesti, il dolore è quasi sempre un campanello di allarme che ci avverte di problemi che richiedono la nostra attenzione.

Un dolore acuto non trattato può infatti cronicizzare, trascendendo in quel  fenomeno noto come neuroplasticità, cioè la capacità del sistema nervoso di riorganizzare nuovi circuiti in seguito a danni di tipo infiammatorio o neuropatico, per cui il dolore acuto si trasforma in un dolore persistente e cronico. Si ottiene un’aumentata risposta allo stimolo doloroso, una riduzione della soglia del dolore, la diffusione del dolore in aree non coinvolte dal danno.

Il dolore cronico: uno dei problemi più importanti di salute pubblica

Il dolore cronico, invece, si protrae oltre i tempi normali di guarigione di una lesione o di un’infiammazione (abitualmente 3-6 mesi) e può persistere per anni. I sintomi, dunque, durano più del previsto compromettendo la vita sociale del paziente. Ne sono esempi molto diffusi il mal di testa persistente, il mal di schiena e i dolori cervicali.

Un aspetto particolarmente importante del dolore cronico è che può essere determinato non solo dal persistere dello stimolo dannoso, ma anche da un processo di automantenimento. Ciò è dovuto al fatto che la stimolazione dolorosa dei nervi persiste anche quando la sua causa è cessata.

Le statistiche mostrano che il dolore cronico colpisce tutte le fasce di età e prevalentemente le donne. Inoltre, rappresenta una delle cause più frequenti di consulto con il medico. Se non adeguatamente trattato, non abbandona più il soggetto che ne è colpito, compromettendone spesso il benessere psicofisico, la condizione emotiva e la capacità relazionale. Per tutti questi motivi, è stato definito dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come uno dei maggiori problemi globali di salute pubblica.

L’importanza di una corretta gestione del dolore

Nonostante i significativi progressi nella ricerca sul dolore e sulla sua gestione, milioni di persone continuano a soffrire a causa di un controllo del dolore inadeguato. Il dolore non controllato non solo determina una situazione di disagio e sofferenza nel soggetto, ma ha anche diverse conseguenze negative:

  • ritarda la guarigione
  • aumenta il rischio di altri disturbi
  • prolunga il ricovero ospedaliero
  • aumenta il rischio di un dolore cronico persistente

La speranza di una migliore gestione del dolore è venuta negli ultimi anni dallo sviluppo di nuovi farmaci e dall’integrazione a base di ingredienti naturali come l’artiglio del diavolo, che si è rivelato altamente efficace nel trattamento di malattie reumatiche, dolori articolari, mal di schiena, contusioni, mal di testa e dolori cervicali.

Dolnot plus è l’integratore 100% naturale a base di artiglio del diavolo che agisce rapidamente riducendo il dolore, grazie alla pratica formulazione in spray realizzata con l’utilizzo di estratti fitomicellari.  Può essere assunto come spray sublinguale o applicato sulla zona dolente del prodotto.

Scoprilo: DOLNOT PLUS

Per maggiori informazioni o se vuoi sapere dove trovare i prodotti Ecol, scrivici a info@ecol.it e segui i nostri profili Facebook e Instagram!

Condividi

ultimi articoli

Conosci tutte le fasi del sonno?

Il nostro corpo attraversa più volte un ciclo del sonno di 5 fasi, dalle quali dipendono i nostri livelli di energia e vitalità del giorno dopo. Vediamo insieme quali sono!

Colite: sintomi, cause e aiuti naturali

Se ne sente parlare spesso ma non tutti conoscono questa patologia a carico dell’apparato digerente, che colpisce circa il 20% della popolazione adulta, con maggioranza

ipotensione

Estate e ipotensione: come gestirla?

In estate, il caldo intenso e l’elevato tasso di umidità possono provocare senso di spossatezza e improvvisi abbassamenti della pressione, a cui possono associarsi stordimento, giramenti di testa, visione offuscata, difficoltà di concentrazione e, nei casi più seri, anche nausea e svenimenti. 

detox

Depurarsi in vista di un dimagrimento

Molti, soprattutto a ridosso della stagione estiva, si pongono l’obiettivo di perdere peso; ma prima di intraprendere un regime alimentare teso al dimagrimento sarebbe strategicamente utile effettuare un percorso di disintossicazione e depurazione dalle tossine, per preparare il corpo e favorire la perdita di peso in modo più rapido e sano.

Come uscire dalla depressione

Come uscire dalla depressione? La depressione è una malattia che interessa più del 10% della popolazione mondiale ed è sempre in continuo aumento soprattutto nei giovani.