Come riconoscere i sintomi degli attacchi di ansia e panico?

Attacchi d’ansia sintomi: Gli attacchi di panico e ansia sono delle vere e proprie crisi, che si manifestano generalmente in maniera improvvisa e senza uno stimolo ben preciso che giustifichi la comparsa. La spiegazione a questo genere di evento va ricercato dentro di noi, nel nostro inconscio, pertanto è proprio lì che è necessario lavorare per ristabilire gli equilibri.

Ma come facciamo a riconoscere gli attacchi ansia e come possiamo contrastarli? Ve lo raccontiamo nel nostro articolo.

Attacchi di ansia sintomi e cause

Tante persone nella propria vita sperimentano almeno una volta un attacco di panico e ansia quel momento bruttissimo in cui per pochi secondi o per qualche minuto si ha quasi la sensazione di morire. I sintomi possono essere diversi ma quelli sono quelli più frequenti?

attacchi di panico sintomi fisici

  • la tachicardia;
  • l’iperventilazione;
  • mancanza d’aria;
  • capogiri;
  • paura.

La sintomatologia scompare di norma in pochi secondi o minuti, e non è detto che si ripeta nel tempo, dunque è opportuno non condizionarsi per paura che accada nuovamente un episodio analogo.

A volte, per scacciare le nostre paure, potrebbe essere sufficiente entrare dentro noi stessi e respirare profondamente per alcuni minuti riconnettendoci con quella forza che ognuno ha dentro di sè. Per imparare a fare questo si possono apprendere le tecniche di respirazione o iscriversi ad un corso di yoga. Queste discipline, se praticate regolarmente, aiutano il sistema nervoso ad essere rilassato e forte, in questo modo è più facile affrontare tutte le sfide della vita con il giusto grado di energia e senza paure.

Ma quando questo non è sufficiente, sicuramente di grande aiuto possono essere l’intervento psicoterapico e l’utilizzo della floriterapia.

A tal proposito noi di Ecol abbiamo studiato un nuovo prodotto per contrastare i sintomi di: ansia attacchi di panico

ANSIFREE è stato realizzato con l’utilizzo di estratti fitomicellari, che sono preparazioni ottenute tramite una serie di processi innovativi messi appunto dai nostri laboratori, quali:

  • estrazione;
  • concentrazione;
  • microemulsione, seguiti da opportuno filtraggio.

Grazie alle ridottissime dimensioni delle micelle è possibile ottenere uno spray sublinguale micellare che ha un assorbimento molto  rapido rispetto ad altre formulazioni.

Ma quali sono le piante che contribuiscono al rilassamento del nostro organismo?

  1. TIGLIO GEMME Le gemme di Tiglio esercitano un’azione ansiolitica, antispasmodica e di sedazione generale, come lieve ipnotico. E’ il tranquillante vegetale per eccellenza. Agisce contemporaneamente sul centro del sonno, sull’asse cortico-ipotalamico e sulla sostanza reticolata innalzando il tasso di serotonina con effetto calmante.
  2. BALLOTTA NIGRA Viene impiegata, grazie all’azione sedativa ed ansiolitica, nel trattamento sintomatico delle forme neurotoniche dell’infanzia e dell’età adulta, in particolare nelle forme lievi di insonnia, nelle manifestazioni ipocondriache e nelle manifestazioni ansiose che accompagnano la menopausa.
  3. PASSIFLORA Viene impiegata per il trattamento dell’irrequietezza nervosa e dei disturbi del sonno. Possiede attività ansiolitica ed antispasmodica generale e sedativa nervosa.
  4. GINESTRINO Viene impiegato nella distonia neurovegetativa, nella psicastenia e nei disturbi del sonno.
  5. BIANCOSPINO FIORI E FOGLIE  il Biancospino è noto per la sua attività sedativa. Risulta particolarmente indicato nel trattamento degli stati nelle turbe del sonno che si accompagnano a stati d’ansia e stress. Contribuisce ad eliminare la componente emotiva di certi stati ipertensivi.
  6. FICO GEMME Agisce sul sistema neurovegetativo e nelle turbe ad esso correlate. E’ utile in caso di depressione e insonnia.
  7. SALICE GEMME Agiscono direttamente sul sistema nervoso centrale, dove svolgono un’azione sedativa e riequilibrante. Vengono impiegate nel trattamento di isteria, insonnia nervosa, stati di angoscia ed ansietà.
  8. LAVANDA OLIO ESSENZIALE azione neuro depressiva, è quindi utile nel trattamento sintomatico degli stati neurotonici degli adulti e dei bambini. Particolarmente indicato in caso di ansia ed insonnia.

Inoltre evitate il caffè, il thè nero e tutte le bevande energizzanti a base di caffeina, limitate anche la cioccolata, soprattutto se fondente dato che stimola comunque il sistema nervoso. Privilegiate invece una dieta a base di frutta, verdura, legumi e cereali integrali per fare in modo che il corpo sia ben mineralizzato.

Condividi

ultimi articoli

Allergia ai pollini nei bambini: come affrontarla naturalmente

Con il cambio di stagione, sempre più bambini sono colpiti dall’allergia a pollini e graminacee. Ecco alcuni utili consigli su come riconoscerne i sintomi e come alleviarli in modo del tutto naturale.

Tutti amiamo quel magico momento dell’anno in cui la natura torna a fiorire e a riempirsi di profumi e colori: la primavera!

Come uscire dalla depressione

Come uscire dalla depressione? La depressione è una malattia che interessa più del 10% della popolazione mondiale ed è sempre in continuo aumento soprattutto nei giovani.

La depressione non va in vacanza

L’estate con tutta la sua euforia, può diventare un momento davvero difficile per chi soffre di depressione. Spesso biasimiamo chi non si gode l’estate, chi non gioisce per le belle giornate, il mare, il sole, le feste. Ma non per tutti la bella stagione è sinonimo di divertimento.

Soffri di disturbi Gastrici che disturbano le tue giornate

ADMIN 15 GIUGNO 2021 CONSIGLI E RIMEDI NATURALI, ERBE E PIANTE OFFICINALI, SALUTE E BENESSERE
SOFFRI DI DISTURBI GASTRICI CHE DISTURBANO LE TUE GIORNATE
I più comuni disturbi gastrici che interessano lo stomaco vengono definiti con il termine dispepsia ovvero: mal di stomaco, acidità, gonfiore allo stomaco e digestione lenta. Ma come affrontare questi disturbi che spesso si intensificano durante i cambi di stagione? In questo articolo vi forniamo alcuni consigli sul benessere gastrico.

Cos’è lo Slow living e quali sono i suoi benefici

Quante volte, soprattutto in un periodo molto stressante, avreste voluto staccare la spina, rallentare o mettere la vita momentaneamente in standby? Avete già sentito parlare dello slow living? Bene mettetevi comodi, perché in questo articolo, vi spigheremo come rimanere concentrati sul presente con uno stile di vita più lento e ovviamente più sano!