Soffri di disturbi Gastrici che disturbano le tue giornate

I più comuni disturbi gastrici che interessano lo stomaco vengono definiti con il termine  dispepsia ovvero: mal di stomaco, acidità, gonfiore allo stomaco e digestione lenta. Ma come affrontare questi disturbi che spesso si intensificano durante i cambi di stagione? In questo articolo vi forniamo alcuni consigli sul benessere gastrico.

DISTURBI ALLO STOMACO

Il cambio di stagione non è sempre il massimo per il nostro benessere fisico.
Infatti, ogni periodo dell’anno, sotto il profilo della salute ha i suoi pro e i suoi contro e i problemi gastrici sono uno di questi. Il passaggio dall’inverno alla primavera o dall’estate all’autunno può portare con sé qualche scombussolamento fisiologico soprattutto in soggetti particolarmente sensibili.

STOMACO INFIAMMATO SINTOMI

Non esiste un singolo disturbo che ci permette di riconoscere con precisione la causa della dispepsia ma, a seconda del sintomo predominante, possiamo distinguere due situazioni che possiamo definire: cattiva digestione e mal di stomaco.

Entrambe possono essere legate ad una cattiva alimentazione ma anche a fattori psicologici come ansia e stress, oppure a patologie specifiche: quali ulcere, reflusso gastrico, gastrite, abuso di farmaci antinfiammatori e il cambio di stagione può acutizzare i problemi allo stomaco. Ma perché succede questo? Perché soprattutto durante il passaggio dall’inverno alla primavera il nostro corpo secerne l’ormone cortisolo che può far aumentare eccessivamente la produzione di acido cloridrico, normalmente presente nei succhi gastrici, ma che se presente in quantità elevate può determinare infiammazione dello stomaco.

PROBLEMI STOMACO: CHI NE SOFFRE MAGGIORMENTE DURANTE I CAMBI DI STAGIONE?

Tutti coloro che per un motivo o per un altro presentano un’alterazione dell’acidità gastrica come:

  • chi è stressato e a causa di ciò ha una flora batterica alterata e una minore resistenza delle mucose;
  • chi assume troppo alcol che irrita la mucosa gastrica;
  • chi ha un minore funzionamento del sistema biliare;
  • chi assume troppi farmaci antinfiammatori e cortisonici;
  • chi ha patologie croniche.

MA QUALI SONO I RIMEDI DA ADOTTARE?

Uno su tutto è tenere sotto controllo l’alimentazione evitando cibi  grassi, acidi e eccitanti che sollecitano i succhi gastrici. Non esagerare con le quantità del pasto serale e non andare a dormire non prima di 3 ore dalla cena.

Tenersi in movimento soprattutto dopo i pasti in modo da favorire la digestione e assumere integratori naturali a base di Melissa, la quale possiede un’azione tranquillizzante, antispasmodica e carminativa. Il suo utilizzo è particolarmente indicato in caso di “nevrosi gastrica”, cioè nei disturbi gastrici di origine psicosomatica, o anche quando sia presente un quadro di irritabilità generale, difficoltà dell’addormentamento e tachicardia su base funzionale. Anche il Fico gemme è utile nel trattare i disturbi gastrici, agisce sul sistema neurovegetativo, normalizza la secrezione di succhi gastrici ed esercita un’azione cicatrizzante sulle mucose. Mentre lAchillea agisce come amaro-tonico, antispasmodico nei disturbi gastrici, nella nausea e nell’inappetenza. Se vuoi conoscere la formulazione di tutti i nostri integratori naturali che aiutano a combattere i sintomi legati allo stomaco irritato vai sul nostro sito e consulta la sezione dedicata ai prodotti . 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato interessante condividilo o lascia un commento, grazie.

SE VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI SUI NOSTRI PRODOTTI O SERVIZI CONTATTACI!

Condividi

ultimi articoli

Conosci tutte le fasi del sonno?

Il nostro corpo attraversa più volte un ciclo del sonno di 5 fasi, dalle quali dipendono i nostri livelli di energia e vitalità del giorno dopo. Vediamo insieme quali sono!

Colite: sintomi, cause e aiuti naturali

Se ne sente parlare spesso ma non tutti conoscono questa patologia a carico dell’apparato digerente, che colpisce circa il 20% della popolazione adulta, con maggioranza

ipotensione

Estate e ipotensione: come gestirla?

In estate, il caldo intenso e l’elevato tasso di umidità possono provocare senso di spossatezza e improvvisi abbassamenti della pressione, a cui possono associarsi stordimento, giramenti di testa, visione offuscata, difficoltà di concentrazione e, nei casi più seri, anche nausea e svenimenti. 

detox

Depurarsi in vista di un dimagrimento

Molti, soprattutto a ridosso della stagione estiva, si pongono l’obiettivo di perdere peso; ma prima di intraprendere un regime alimentare teso al dimagrimento sarebbe strategicamente utile effettuare un percorso di disintossicazione e depurazione dalle tossine, per preparare il corpo e favorire la perdita di peso in modo più rapido e sano.